Jan 302012
 

Banca Nazionale dell'Agricoltura, Piazza Fontana, Milan, December 12, 4.37 p.m. 1969

The Piazza Fontana massacre of 12 December 1969 is a crucial milestone in post-war Italian history. It was on that date that the criminal intentions of a political class — which demonstrated it would shrink from nothing to cling on to power in the face of ‘the onward march of communism’ — was made flesh. This class did not baulk at leaving a trail of corpses in its wake in order to prevent its leadership being called into question. The Piazza Fontana massacre is not some ‘obscure episode’ in Italy’s history — ‘the nightfall of the republic’. It is a clearly defined chapter whose narrative is that dead bodies are preferable to political change and over the years that followed many more would perish — mainly at the hands of the right, but also some at the hands of the left. It was a perverted game. The right had attacked, therefore the left had a duty to retaliate, thereby cranking up the ‘index of conflict’.

Continue reading »

Dec 282011
 

Rogue Agents (2011 update) Click on image to read

FOREWORD (2011) This third and final edition of Rogue Agents extends biographical information up to 201 1, particularly of the American allies of the complex, and of the core complex members — January 2011 marked the death of both Huyn and Richardson, and Habsburg died in July 2011 aged 98, whilst Fraga and Crozier live on. Violet – well, no-one has ever known. Recent university research on Interdoc and Franco’s Spain has been summarised and referenced; the section on CEDI has been much expanded; considerable information has been added on the Catholic groups Conseil international pour l’ordre Chrétien (CIOC) and the Comité International pour la Défense de la Civilisation Chrétienne (CIDCC) which involved Pinay, Violet, Dubois and Franco’s ministers in the 1950s and 1960s.

Pinay Circle - Rogue's Gallery (click to view)

This final edition has therefore swollen to nearly 150,000 words; the full version now includes a documentary annex of some 175 pages of intemal documents as well as photographs of the main participants covered in this twenty-year investigation. This work has also expanded from text to video: the reader will find, in the footnotes, links to online footage of Crozier and his key American 6I allies such as Romerstein for the International Freedom Foundation, and Huyn for the Center for Intelligence Studies (search for ‘c-spanarchives’ to find all video links). As the documentary and picture annexes considerably increase the size of the PDF file, two versions of the book are now published: this full version, best viewed as a PDF (481 pages, 41 MB), and a shorter version (‘text only‘, 290 pages, 1.4 MB), containing the complete text, footnotes, sources and NSIC and IFF annexes, but without the documentary and picture annexes, suitable for emailing or printing.

David Teacher

Mar 252011
 

Pinelli — Flavio Costantini

Morte accidentale di un anarchico (English trans.) è una delle commedie più note di Dario Fo, vincitore del Premio Nobel per la letteratura nel 1997, rappresentata per la prima volta il 5 dicembre 1970 a Varese da Fo e il suo gruppo teatrale “La Comune”.

La commedia è dedicata alla “morte accidentale”, come ironicamente ricorda il titolo stesso, dell’anarchico Giuseppe Pinelli, avvenuta al commissariato di Polizia di Milano in circostanze inizialmente non chiare, poi archiviate dai un’indagine della magistratura come un caso di malore attivo, il 15 dicembre 1969, cadendo dalla finestra del quarto piano durante il suo interrogatorio. A seguito della violenta campagna politica che ne seguì fu ucciso il commissario di polizia Luigi Calabresi.

See FILMS: Il filo della memoria ; Storia Stragi di Stato — Tre ipotesi sulla morte di Pinelli ; L’Orchestre Noir — The Strategy of Tension ; Italian Fascism ; Gladio 1 ; Gladio 2 ; Gladio 3 ; NATO’s Secret Armies ; Piazza Fontana 2 anni dopo ; Prendiamoci la vita 1 ; Prendiamoci la vita 2 (1968-1978) ; Nella perduta citta di Sarzana ; Gli anarchici nella Resistenza; D’Amore’ e D’ Anarchia ; Rome, Open City ; Ostia ; Il Conformista ; 7 Beauties ; Antonio Ruju ; Rumore di fondo-Storie di semplici resistenti ; Controstoria Rossa Partigiani ; Sera tutti sovversivi – a Franco Serantini; Franco Leggio: An anarchist of Ragusa ; Libera, my love – Libera, amore mio ; Men of Marble -  Carrara ; Salvatore Giuliano ; The Leopard – 1 ; The Mystery of Oberwald

TEXTS: Stefano delle Chiaie: Portrait of a Black Terrorist ; Pinelli and the Piazza Fontanta — Italy’s Cold War ;

Continue reading »

Mar 152011
 

The Chicago Conspiracy (see FILMS) is a documentary three years in the making by Subversive Action Films. The project was filmed in Chile, and the story extends into the Mapuche indigenous lands of Wallmapu. The concept for the film was born with the death of a former military dictator. We celebrated in the streets of Santiago with thousands of people after hearing the news: General Augusto Pinochet was dead. His regime murdered thousands and tortured tens of thousands after the military coup on September 11, 1973. We celebrated both his death and the implication that the political and economic system which put him in power might itself be mortal. We began this documentary with the death of a dictator, but we continue with the legacy of a dictatorship.

The Chicago Conspiracy takes its name from the approximately 25 Chilean economists who attended the University of Chicago and other prestigious universities beginning in the 1960s to study under the neoliberal economists Milton Friedman and Arnold Harberger. After embracing Friedman’s neoliberal ideas, these economists returned to assist Pinochet’s military regime in imposing free market policies. They privatised nearly every aspect of society, and Chile soon became a classic example of free market capitalism under the barrel of a gun.

Continue reading »

Feb 102011
 

Interview (in English with Spanish subtitles) with Daniele Ganser, author of NATO’s Secret Armies. Operation Gladio and Terrorism in Western Europe. Ganser talks to Tania Gálvez San José about the strategy of tension, ‘false flag’ terrorism and how NATO — under the auspices of US and Western European intelligence services, including MI6 — organised secret armies in Europe from 1944 until the early 1990s, recruiting neo-fascists and ultra-right wingers to infiltrate and discredit the European extra-parliamentary left, spread ‘black propaganda’ and organise and implement terrorist acts falsely attributable to libertarian extra-parliamentarians with the sole purpose of creating a climate of fear to justify ‘muscular government’, the introduction of repressive legislation to ‘suppress subversion’ and ‘the enemies of the status quo’and contain any ‘drift’ to the left.

See also: Stefano Delle Chiaie: Portrait of a Black Terrorist (1984) and on this site and Pinelli and the Piazza Fontana – Italy’s Cold War

See also the following FILMS: Gladio 1 – The Ringmasters; Gladio 2 The Puppeteers; Gladio 3 – The Footsoldiers; L’Orchestre Noir; Nella Citta Perduta di Sarzana; Piazza Fontana – 12 December 1969; Il Filo della memoria Giuseppe Pinelli; S’era tutti sovversivi – a Franco Serantini; Storia – Strage di Stato – Three hypotheses on the death of Pinelli ; Italian fascism

Dec 292010
 

Giuseppe Pinelli (1928 - 15 December 1969)

Pinelli and the Piazza Fontana – Italy’s Cold War

It all began in the spring of 1969, with the “anarchist” bombs of 25 April, but it really took off on 12 December with bombs exploding in a bank in Milan’s Piazza Fontana killing 17 people, and injuring 88. According to the police and the official media these were “anarchist” bombs, as were those that later exploded on trains and in public squares in Bologna, in Brescia, on trains in tunnels, and other Italian cities. From day one the anarchists stated that these were not anarchist bombs, they were “state massacres”, part of a strategy of tension intended to prevent the Italian Communist Party from participating in government. A Rivista Anarchica, an investigative journal founded in early 1971 to expose the truth about the strategy of tension, published a number of articles over the years on the subject, as did its sister journal Libertaria, some of which  are republished here. With the Berlusconi government in serious trouble is it possible that a new ‘strategy of tension’ is under way?

State coup: interview with Guido Salvini; Assassination? No – active illness!; The funeral of Pinelli by Franco Fortini; The anarchist thrown from a window by Paolo Finzi; The window-inspector by Patrizio Biagi; Forty years after the mother of all massacres; A conversation with aunt Rachele and the lawyer Guido Calvi by Antonella Schroeder and A.B; On the walls – picture/graphic research by Roberto Gimm; The state v. Pietro Valpreda by A. B.; Those years are still with us by Giulio D’Errico, Martino Iniziato and Fabio Vercilo; My friendship with Pino by Lorenzo Pezzica; Two 22 March members by Giulio D’Errico, Martino Iniziato, Fabio Vercilli and Matteo Villa; That day with Valpreda by Giulio D’Errico; The Ponte della Ghisolfa/Crocenera group by Giulio D’Errico; Days of bombs and trials (from 1969 to 2005)

BOOK (ISSUU) Stefano delle Chiaie. Portrait of a “Black” terrorist

FILMS: Gladio 1 – The Ringmasters; Gladio 2 The Puppeteers; Gladio 3 – The Footsoldiers; L’Orchestre Noir; Nella Citta Perduta di Sarzana; Piazza Fontana – 12 December 1969; Il Filo della memoria Giuseppe Pinelli; S’era tutti sovversivi – a Franco Serantini; Storia – Strage di Stato – Three hypotheses on the death of Pinelli

Aug 112010
 

Click on image to read book

Stefano Delle Chiaie. Portrait of a ‘Black Terrorist’ by Stuart Christie. First published 1984. Kindle Edition published by ChristieBooks, PO Box 35, Hastings, East Sussex, TN34 1ZS (Check out all Kindle editions of ChristieBooks titles) NOW AVAILABLE ON KINDLE £2.71  READ INSIDE!

UK : £2.71 ; USA : $4.13 ; Germany : €3,15 ; France €3,15 ; Spain €3,15 ; Italy :  €3,15 ; Japan : ¥ 398 ; Canada : CDN$ 4.11 ; Brazil : R$ 8,04

On 2 August 1980 a bomb hidden in a suitcase exploded at Bologna railway station in Italy, claiming the lives of 85 innocent people and injuring over 200. The outrage at Bologna was just one more episode in what has become known as the ‘Strategy of Tension’ – a campaign of terror, infiltration, provocation murder (including that of anarchist Giuseppe Pinelli) that stretches back to the beginning of the 1960s and has its roots in the Cold War. But what exactly are the aims of this seemingly senseless campaign, and who are the people behind it?

Of the five people named as suspects by the Italian judge investigating the outrage at Bologna, one stands out from all the rest: Stefano Delle Chiaie. Master organiser of neo-fascist terror, or someone who has been deliberately set up as such by other more shadowy figures, the name of Delle Chiaie is inextricably linked with just about every major right-wing scandal and terrorist outrage to have rocked Italy during the past two decades. The history of Delle Chiaie is the history of Nazism in our world today. Through it we see neo-fascist terrorist organisations in their true role: that of “plausibly deniable” agents of an inner oligarchic power sphere which sets itself above all law and morality.

SEE ALSO L’ORCHESTRE NOIR and GLADIO 1, 2 and 3 (FILMS)

Feb 082010
 

Ten new films – click the Films link


S’era tutti sovversivi – a Franco Serantini


Un’idea esagerata di liberta’ Anarchici oggi (Anarchists today – an exaggerated idea of freedom – in Italian)
Trattato tramite introduzioni storiche e filosofiche scritte e “recitate” da noi stessi, ed intervallate da interviste ad esponenti dei circoli anarchici di Carrara, e da persone incontrate per strada.


‘Mamma dammi la benza – A Come Anarchia’ (1976 – Angelo Rastelli Film)

Italian Punk Rock –1977-1982. Tre puntate che si occuperanno dei pionieri, di tutti coloro che tra il ’77 e l’82 si sono sentiti punk nell’Italia violenta, fragile e confusa di quegli anni. A modo loro, anche solo bucandosi la guancia con uno spillone o imbrattando una cabina telefonica. Perché anche questa è storia.


Parco Lambri 1976 (Nudo verso La Follia)

Nelle giornate del 26, 27 e 28 giugno del 1976 si svolge al Parco Lambro di Milano la VI Festa del Proletariato Giovanile, organizzata dalla rivista Re Nudo. Un film sempre diverso, naturalmente, che è soprattutto il tentativo di rileggere, riproporre e reinterpretare il lavoro realizzato dal collettivo di videoteppisti (questo è il nome che si erano dati) che insieme ad Alberto Grifi aveva ripreso nel 1976 le giornate del Festival; un’analisi a ritroso per riscoprire una macchina-cinema complessa come quella messa in piedi negli anni Sessanta e Settanta da Grifi: appropriazione e riuso del già fatto, processo artistico come montaggio, opposizione all’autorità della sceneggiatura e della regia; uno sguardo radicale e d’avanguardia, curioso e inquieto, che è riuscito più di altri ad avvicinarsi e a raccontare le lotte e le trasformazioni di quegli anni, proprio perché viste e vissute dall’interno.


Nella città perduta di Sarzana: (1980 – Luigi Faccini)
El luglio del 1921 una spedizione armata di 600 fascisti, guidati da Amerigo Dumini, raggiunge Sarzana (La Spezia) per liberare Renato Ricci e per dare una lezione alla cittadina “rossa”. La spedizione è respinta dalla forza pubblica (Carabinieri) e dalla popolazione, organizzata in formazioni paramilitari, compresi gli Arditi del Popolo. Rimangono uccisi tredici fascisti, diciotto secondo altre fonti. La struttura narrativa del film – esposto alla Mostra di Venezia 1980 e mandato in onda dalla RAI, che l’aveva prodotto, il 22-8-1981 – segue l’itinerario dell’ispettore generale Trani (Graziosi), plenipotenziario di Ivanoe Bonomi, capo del governo e ministro degli Interni, nel ricostruire l’accaduto e nel ricercarne cause e responsabilità in modo da offrire al suo superiore lo strumento politico per disarmare i fascisti su tutto il territorio nazionale. L’aggettivo “perduta” del titolo allude alla tesi di fondo: Sarzana fu un’occasione perduta per la democrazia italiana e, in particolare, per la sinistra: il 23 luglio 1921, due giorni dopo i fatti, i socialisti votano contro il programma di Bonomi che ottiene egualmente la maggioranza con i voti della destra; il 3 agosto il Partito socialista stipula con quello fascista un patto di pacificazione che, in pratica, lascia la sinistra italiana in balia del fascismo armato.


Piazza Fontana – 12 December 1969 – 2 anni dopo (1972 – Pier Paulo Passolini)
“Io so. Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realtà è una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere). Io so i nomi dei responsabili della strage di Milano del 12 dicembre 1969. Sembra solo la storia di una strage quella provocata dalla bomba che il 12 dicembre 1969 uccise a Milano diciassette persone. In realtà è la storia d’Italia degli ultimi quarant’anni. I personaggi e gli interpreti, i protagonisti e le comparse della parabola giudiziaria e politica di piazza Fontana sono in gran parte gli stessi che dalla fine degli anni ’70 ad oggi ricorrono nelle alterne vicende italiane. Terroristi neri, agenti segreti, ministri, parlamentari, giudici, avvocati, testimoni e imputati, pentiti e irriducibili.  Fu un’intesa politica siglata il 23 dicembre 1969 tra il ministro degli Esteri, Aldo Moro, e il Presidente della Repubblica, Giuseppe Saragat, a impedire che si arrivasse in breve tempo ai responsabili della strage di piazza Fontana. Dietro quell’intesa la necessità di tutelare “Il Segreto della Repubblica”, cioè il tentativo di golpe istituzionale, messo in atto con il sostegno degli americani e duramente osteggiato dall’intelligence inglese.


Rumore di Fondo Storie di semplici resistente  (2005 – Marco Carraro e Paolo Cognetti )
Prodotto da Coordinamento sezioni ANPI zona 4 Milano e Dropout Officina dell’immagine in occasione del 60° della Liberazion e Milano, oggi. Un giovane universitario e frequentatore di un centro sociale, spinto da una scarsa conoscenza e da un vago bisogno, decide di incontrare un vecchio partigiano e di trascorrere con lui alcune giornate. Quella che era una remota eco incomprensibile, riaffiorante di tanto in tanto da sparse e diverse fonti, gli si precisa e concretizza via via, attraverso le parole semplici e quasi dimesse del vecchio, in fatti, persone e luoghi. La città resta anonima e scostante, la gente indifferente e neutra, ma l’acquisita consapevolezza di eventi lontani e tragici gliela restituisce a un tempo più sua e pervasa di un’umanità capace di inaspettati palpiti di vita. La vicenda della Resistenza partigiana e della Liberazione come senso di appartenenza, una presenza che accompagna le nuove generazioni come un
rumore di fondo, la memoria che indugia, invita all’ascolto.


Il Filo della memoria Giuseppe Pinelli – Dedicato a Pinelli (1970 – Guido Albonetti)
Ideato dal “Comitato cineasti contro la repressione” (che radunava un gruppo di registi appartenenti alle associazioni di categoria ANAC e AACI), il film fu realizzato in reazione alla morte dell’anarchico Giuseppe Pinelli deceduto in la Questura di Milano il 15 dicembre 1969 .


Un grido attaccato al muro
Un grido attaccato al muro è la definizione che fu data dai disegnatori ai manifesti della rivoluzione spagnola del 1936-39. Questo lavoro mette in mostra molte decine di manifesti, raggruppati per tema, uniti a spezzoni di filmati dell’epoca, con brani musicali di ieri e di oggi ed un breve commento scritto in italiano.
Il lavoro è stato fatto in occasione del 70° anniversario a cura dell’Archivio storico degli anarchici siciliani.


Gli anarchici nella resistenza (Documentario sul ruolo degli anarchici nella resistenza al fascismo)
Quando nella primavera del 1945 l’insurrezione dilaga in tutto il Nord Italia, gli anarchici, già protagonisti nei primi anni Venti della resistenza popolare a uno squadrismo che sta per farsi regime, poi del confino, dell’esilio e della rivoluzione spagnola, sono ancora una volta armi in pugno contro il fascismo. Dopo l’8 settembre 1943 in tutto il centro-nord si costituiscono le prime bande, poi diventate formazioni autonome in alcune aree o parte integrante delle organizzazioni partigiane costituite dalle varie forze antifasciste